La Mediateca è fiera di presentare DonoxDono di Donato Emar Laborante, edizioni Ferula Ferita.

Donato Emar Laborante, artista poliedrico che da anni si muove agilmente tra diversi linguaggi artistici - poesia, teatro, cinema - presenta il suo ultimo lavoro in Mediateca. Sarà presente l’autore. Introduce Mino Vicenti. Letture a cura dei lettori e delle lettrici della Mediateca.

DonoxDono, Pro Verbi (Coscienze e conoscenze, Verbi e Proverbi, Orientamento)

venerdì 10 novembre, ore 18,00

______________________________

Come chicchi di grano le parole disegnano il suono dei mantra dentro di noi. Cibo per l’anima, coniugandosi in pensieri, sorreggono e rafforzano la nostra fugace esistenza diventando preghiera del nostro agire. Dell’uomo non resta nulla di quello che realizza ma quello che pensa, la forma dei suoi pensieri, i suoi desideri. Questi pensieri, frutto di esistenze tormentate dall’amore o dal desiderio di far conoscere il fremere della fratellanza, restano nell’etere o stampati su libri che tu dovresti cercare e cibarti affinché la tua Vita non sia un lungo e faticoso mentire. - Emar.

Nota autobiografica

Donato “Emar” Laborante nasce il 7 ottobre 1954 in Claustro Giudecca ad Altamura (BA).

Nascendo in un Claustro nasce 2 volte prima nella pancia della comunità e dopo dal ventre della propria madre. Vestito di silenzio impara a parlare a 25 anni dopo aver cantato e fatto ballare danza intorno ad un pallone in giro per le polverose strade del suo quartiere e per i grandi parchi della immensa periferia.

Il canto lo impara nel coro francescano con maestri di musica del Convento di Francesco di Assisi poeta et uomo di mistica pace mentre la pittura rinascimentale influenza i suoi sogni le sue mattine.

A parlare inizierà per sperimentarne l’efficacia dopo essere uscito dal Convento ed aver incontrato letture anarchiche che lo dirigeranno sui treni a comiziare sull’l’importanza di non pagare il biglietto essendo il treno la comodità rappresentattiva di ridistribuzione e “riappropiazione” del viaggio come ricerca verso una salute mentale.

Titolista per amore et passione sono sue pro pietà parole come Con Te Stiamo- CorpOrazione-SudOrazione-Ascoltattore/ice- o cambiamenti di epocali pro-verbi:"non sanno quel che dicono perdona loro Signore perchè sanno quel che fanno"..."rozzolano bene e parlano male"..."chi và con lo zoppo impara a camminare"..."l'importante è saper cadere"..."se potassimo meglio di se potessimo"...Se le Banche accetterebbero questi "Titoli" il Laborante sarebbe uno tra gli uomini più ricchi del circondario invece si trova nostro malgrado ad essere "il più povero Tra i poveri"!

La forza delle idee hanno permesso al nostro “Eroinomade” (il titolo di una sua canzone) di iniziare un percorso catartico che lo porteranno

La forza delle idee hanno permesso al nostro “Eroinomade” (il titolo di una sua canzone) di iniziare un percorso catartico che lo porteranno con gli anni e tanti affanni a passare sempre a tra verso forme organizzattive avanguardistiche et cooperativistiche-

Sulla sua carta di identità leggiamo alla voce professione: Cantastorie.

[foto di Salvatore Centoducati]